Presentazione del Modello EAS 31 marzo
Adempimenti Contabili, News

Aggiornamento del Modello EAS entro il 31 marzo

Download PDF

Gli Enti non Commerciali che godono delle agevolazioni fiscali, al fine di mantenere il regime di favore, devono inviare all’Agenzia delle Entrate entro il 31 marzo di ogni anno le variazioni intervenute nell’anno precedente.

Pertanto entro il 31 marzo 2016, ogni Ente dovrà inviare le variazioni intervenute nell’esercizio precedente (2015). Vediamo quali sono le variazioni che danno luogo alla comunicazione…

NORME DI RIFERIMENTO

Riportiamo di seguito alcuni esempi che possano meglio chiarire se siete nel caso di

(SI) Quando va inviato il modello EAS per le variazioni?

  • Rinnovo delle Cariche Sociali;
  • Variazione dei nominativi;
  • L’ente ha assunto personale dipendente;
  • L’ente ha optato nell’anno in corso al regime agevolato (per la prima volta);
  • L’ente ha preso in locazione l’immobile dove in precedenza esercitava l’attività in comodato;
  • ecc.;

(NO) Quando non va inviato il modello EAS per le variazioni?

  • Variazione dell’indirizzo della Sede legale dell’Ente;
  • Variazione di proventi da sponsorizzazioni o pubblicità rispetto la prima comunicazione;
  • Variazione del numero dei Soci dell’Ente;
  • Ottenimento di erogazioni liberali;
  • ecc.;

Cosa accade in caso di tardiva o omessa presentazione del mod. EAS?

In caso di omessa o tardiva presentazione dell’EAS, l’Ente può provvedere alla “remissione in bonis” seguendo le seguenti disposizioni:

  • inviare la comunicazione (se non è stata ancora inviata);
  • versare la sanzione di
    Presentazione del Modello EAS 31 marzo

    Presentazione del Modello EAS 31 marzo

    utilizzando il modello F24 (codice tributo 8114 e l’anno di riferimento)

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply